Attraverso il mio marchio Terre d’Oz ho voluto ricavare dal disegno i miei oggetti affinché passassero dal mondo del tratto a quello del tatto.